Misurazione Vista

Misurazione della vista per scegliere le lenti adatte

Quando si devono portare gli occhiali da vista, è fondamentale che le lenti abbiano la gradazione giusta, per correggere nel modo migliore il deficit visivo e garantire una visione confortevole. Portare degli occhiali con una gradazione sbagliata, infatti, può portare a fastidiosi disturbi come distorsione dell’immagine, mal di testa, nausea e vertigini.

Per questo, da Ottica Berruti a Roma offriamo anche un esame di misurazione della vista prima di montare le lenti graduate sui vostri occhiali, in modo da offrirvi la soluzione migliore per correggere i vostri deficit visivi.

Ma in cosa consiste l’esame per la misurazione della vista? Andiamo a scoprirlo insieme nei prossimi paragrafi.

Come si svolge l’esame per misurare la vista

L’esame per la misurazione della vista si svolge in due fasi, che permettono di avere una determinazione oggettiva e una soggettiva dell’efficacia delle lenti oftalmiche.

La prima fase, quella in cui si determina l’efficacia delle lenti in modo oggettivo, è effettuata usando uno strumento chiamato autorefrattometro, in cui con un occhio alla volta si guarda dentro lo strumento per osservare un’immagine. Questo macchinario misura automaticamente il potere diottrico degli occhi, fornendo una prima indicazione sulla capacità visiva di chi si sottopone a questo test.

In questo modo, si può determinare dove si trova il fuoco in rapporto alla retina: se il fuoco si trova esattamente sulla retina, l’occhio è privo di difetti visivi, mentre è davanti in caso di miopia e dietro in caso di ipermetropia.

La seconda fase, quella in cui si determina l’efficacia soggettiva delle lenti, si svolge con un altro strumento, chiamato ottotipo da lontano, che permette al paziente di leggere delle lettere di diverse grandezze su una tabella posta ad una certa distanza, utilizzando diversi tipi di lente fino a trovare quello con cui si ha la visione migliore. Questo test fornisce all’ottico i dati sulla visione da lontano, mentre per chi ha invece problemi a vedere da vicino, viene fatto un altro test, in cui l’ottico fornisce al paziente degli occhiali di prova e un foglio da leggere, chiamato in questo caso ottotipo da vicino, da porre alla distanza che si usa abitualmente per la lettura, e anche in questo caso si cambieranno lenti fino a trovare la gradazione più congeniale.

Alla fine di questo esame, tenendo conto dei dati oggettivi e delle preferenze soggettive sull’efficacia delle lenti, si avranno elementi sufficienti per determinare quali lenti sono le migliori per le esigenze della persona, e andarle così a montare sugli occhiali da vista.

Le differenze tra esame della vista e visita oculistica

Tuttavia, è necessario considerare che l’esame della vista che si effettua da Ottica Berruti e negli altri centri ottici che offrono questo servizio non è la stessa cosa di una visita oculistica.

Gli esami della vista effettuati nei centri ottici sono svolti da professionisti che hanno la qualifica di ottico-optometrista, che significa che sono in grado di analizzare la vista e determinare l’eventuale presenza di deficit visivi, in modo da prescrivere le lenti correttive adatte, siano esse oftalmiche o a contatto. La differenza fondamentale è che l’ottico-optometrista non può effettuare alcun accertamento per individuare eventuali patologie dell’occhio o prescrivere terapie farmacologiche, cosa che invece spetta all’oculista.

L’oculista, o oftalmologo, è un medico che dopo la laurea in Medicina prende la specializzazione in Oftalmologia, che gli permette di sviluppare conoscenze approfondite sull’apparato visivo e sulle patologie che lo colpiscono, sia in età adulta che nell’infanzia. Chiaramente, anche un oculista sa analizzare la vista di un paziente e prescrivere le lenti adatte, ma ha anche la possibilità di eseguire altri esami più approfonditi per rilevare la presenza di patologie a carico dell’occhio, oltre a poter effettuare interventi chirurgici sull’occhio e sulle aree circostanti.

Ricordiamo che durante l’infanzia l’apparato visivo dei bambini è in fase di sviluppo, e quindi è necessario controllare periodicamente la loro vista, preferibilmente da un oculista, poiché crescendo può variare anche la loro acutezza visiva, ed è bene avere la possibilità di cambiare occhiali non appena si noti un peggioramento, per non avere fastidiose conseguenze e vedere sempre in modo chiaro e nitido.

Se vuoi effettuare un esame della vista per avere la prescrizione delle lenti più adatte per te, vieni da Ottica Berruti in Viale Libia 195 a Roma, dove i nostri professionisti qualificati potranno svolgere un esame della tua vista e consigliarti la correzione migliore.

FAQ

Che differenza c’è tra ottico e oculista?

L’ottico è un professionista in possesso della qualifica di ottico-optometrista, ed è in grado di usare tutti quegli strumenti che permettono una valutazione oggettiva e soggettiva della vista di un paziente, in modo da potergli consigliare le lenti oftalmiche o a contatto necessarie per correggere un eventuale deficit visivo. L’oculista è invece un medico specializzato in Oftalmologia dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, e oltre a saper determinare l’acutezza visiva di un paziente, può anche svolgere altri accertamenti per individuare patologie a carico dell’apparato visivo e svolgere interventi chirurgici all’occhio o alle aree circostanti.

Come si svolge l’esame della vista?

L’esame della vista si svolge in due fasi, una in cui viene determinata l’acutezza visiva in modo oggettivo, e una in cui si determina l’efficacia delle lenti in relazione alle sensazioni soggettive del paziente. In particolare, nella prima fase viene determinato da un macchinario specifico dove si trova il punto di messa a fuoco rispetto alla retina, e nella seconda fase si determina la visione da lontano del paziente.

Che test si fa se non si vede bene da vicino?

Quando ci sono problemi a vedere da vicino, al paziente viene fornito un foglio con un testo, che deve porre alla distanza abituale che usa per leggere, e attraverso varie lenti di prova si cerca la gradazione con cui si ha il maggior comfort visivo.

Perché è importante controllare la vista nei bambini?

Durante l’infanzia, l’apparato visivo dei bambini è in via di sviluppo, e questo comporta che la loro acutezza visiva possa cambiare anche molto velocemente. Per questo è importante effettuare delle visite periodiche da un oculista, in modo da correggere subito eventuali difetti visivi e controllare che gli occhi si stiano sviluppando nel modo corretto.

Articoli correlati

Febbraio 5, 2021

Lenti a contatto, la corretta manutenzione !

Acuvue – Come pulire le lenti a contatto – Guide per una corretta manutenzione L’igiene delle lenti a contatto è uno dei fattori più importanti per…
Aprile 29, 2022

La cataratta

Cosa è il cristallino? Per comprendere appieno la cataratta è necessario spiegare la funzione del cristallino. Il cristallino è il mezzo refrattivo…
Giugno 21, 2022

Materiali delle montature: pro e contro

E’ giunto il momento di cambiare gli occhiali, oppure di metterli per la prima volta. Occorre fare la scelta giusta non solo rispetto alle lenti e …

Siamo pronti ad aiutarti

Vienici a trovare nella nostra Ottica a Roma oppure contattaci per qualsiasi necessità.

Union Dental
Contatti
Indirizzo
Orari
  • Lunedì:

    15:45 – 19.30

  • Mar - Sab:

    9.30 – 13 | 15:45 – 19.30

  • Domenica:

    Chiuso


P.IVA: IT00934511007

Sito web realizzato da Web agency Roma